domenica 31 marzo 2013

Due dolci pasquali per una Santa Pasqua

Prima di ogni altra cosa BUONA PASQUA A TUTTI!!!!

In questi giorni ho visto nel blog di Pinkopanino dei meravigliosi Tsure'ki, poi sono andata a vedere quelli di Marina ed infine sono andata a gironzolare in un blog che frequento molto.
In quest'ultimo ho trovato la ricetta di tsoureki con licoli fatto l'anno scorso e una focaccia che somigliava più ad una pastiera (^-^), che aveva fatto di recente, ed allora mi sono messa a scopiazzare di brutto :)
Certamente ho fatto delle piccole, ma piccole modifiche, ma diciamo che le due ricette le ho fatte completamente mie. Spero che non se ne accorga, non vorrei che iniziasse a sbandierare a destra ed a manca che le ho scopiazzato le ricette.
Già è brutto sentirsi prendere a male parole in altri giorni, ma oggi è Pasqua e non mi va proprio di stuzzicare il can che dorme ma non mi va neanche di mettere i link! Proprio così, oggi non mi va :) Vediamo più in là, fra qualche giorno :)))) Che monella che sono!!
Negli ultimi tempi mi sono resa conto che, se un impasto con uova e burro lo si fa in due tempi (come per il panettone e per la colomba), l'interno diventa molto più soffice e arioso. Infatti, per gli ultimi lievitati ho utilizzato questo procedimento.
E' sufficiente non usare tutta la farina e tutti i liquidi nel primo impasto, il burro è sempre meglio metterlo nel secondo impasto. Dopo la lievitazione, al primo impasto si aggiungono gli ingredienti avanzati e si lascia lievitare ancora fino al raddoppio, si dà la forma e si cuoce. Questo è tutto, ma il risultato è.........
Con questo metodo ho fatto Tsoureki, un dolce pasquale greco

Tsoureki
Ieri mattina mi sono messa a fare questi due lievitati con il mio licolfico che è veramente arzillo, sono venuti molto bene. Ho rischiato di farli slievitare perché li ho tenuti a lievitare da ieri sera fino a stamane alle 9:00, ma sia il risultato che il profumo ed il sapore sono fantastici.
Mi preoccupavo perché non li avevo messi in frigo, ma lasciati sulla credenza, coperti con un canovaccio di cotone. Meno male che non è successo niente.
Con queste dosi sono venute due trecce belle grandi, penso che se ne possano fare anche tre.

Primo impasto
Secondo impasto
  • 25g di latte tiepido
  • 60g di farina debole
  • 25g di burro
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1/2 cucchiaino di sale
Per guarnire
  • granella di zucchero
  • albume

Primo impasto
Nella planetaria ho mescolato licolfico con l'acqua tiepida, zucchero, uova, aroma arancia, cardamomo, mahlepi e masticha (andrebbero pestati col mortaio ma io li ho frullati). Ho aggiunto la farina di forza e la debole e fatto amalgamare. Ho fatto riposare per 20 minuti circa dopo di che ho fatto impastare fino ad incordare. Ho travasato l'impasto in una ciotola leggermente unta, coperta con un canovaccio e poi con una copertina di pile ed ho lasciato lievitare fino al raddoppio.
Secondo impasto
Al primo impasto ho unito il latte tiepido, l'olio evo, la farina debole ed il sale. Ho fatto amalgamare il tutto nella planetaria quindi ho travasato in una ciotola leggermente unta, coperta con un canovaccio e poi con una copertina di pile ed ho lasciato lievitare fino al raddoppio. 
Ho diviso a metà l'impasto ed ogni pezzo in tre, li ho allungati ed intrecciati. Li ho messo a lievitare nella placca del forno coperta di carta forno con dei supporti laterali per non farli allargare (come supporto ho usato le scatole che contengono la pellicola per alimenti e l'alluminio).
Dato che era abbastanza darti, ho lasciato le trecce a lievitare per tutta la notte. La mattina li ho infornati a 200°C per 10 minuti e a 180°C fino a cottura. Ho notato che stavano prendendo molto colore e le ho coperte con alluminio.


La focaccia invece l'ho fatta come sempre, con un solo impasto, perché dovevo riempire l'involucro panoso con orzo e crema pasticciera.
Ho adattato l'impasto base nr. 5 per fare l'involucro, ma poteva andare bene anche l'impasto base nr. 2 
Focaccia tipo pastiera

  • 50ml latte
  • 20g di burro
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 30g di zucchero vanigliato
  • 80g licoli (licolfico)
  • 100g di farina di forza
  • 60g di farina debole
  • 1 uovo
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • un cucchiaino di aroma arancia
  • una manciata di uva passa
Nel latte tiepido ho fatto sciogliere il burro, ho unito l'olio, lo zucchero, l'uovo e licoli ed amalgamato. L'ho travasato nella planetaria insieme alle farine setacciate, l'aroma arancia e fatto mescolare brevemente, quindi 20 minuti di riposo (autolisi), ho riavviato la planetaria, unito il sale e fatto incordare.
Spostato in una ciotola appena unta e, dopo 2 ore l'ho sgonfiato e fatto due pieghe a tre, l'ho fatto lievitare al caldo fino al raddoppio. 
Crema di orzo
100g di orzo
200g di latte intero
100g di acqua
60g di zucchero vanigliato
1 cucchiaino di aroma arancia
un pizzico di sale
Ho lavato l'orzo e l'ho messo a bollire, con tutti gli altri ingredienti, a fuoco lento con coperchio.
L'ho fatto cuocere fino a quando si è assorbito tutto il liquido ed è diventato morbido. L'ho provato moltissime volte per sentire la cottura e non smettevo più di mangiarlo :)
Crema pasticciera
1 tuorlo
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di fecola di mais
150gr di latte
1/2 cucchiaino di aroma arancia
Ho mescolato il tuorlo con lo zucchero, ho amalgamato la fecola e l'aroma arancia. Ho aggiunto il latte tiepido ed ho fatto addensare. Ho messo da parte

Ho appiattito l'impasto e spalmato sopra la crema di orzo, la crema pasticciera e l'uva passa, l'ho avvolta nel senso della lunghezza ed arrotolata a spirale. L'ho messa a lievitare in una teglia che la conteneva, era tardi e l'ho lasciata lievitare in luogo fresco fino al mattino successivo.L'ho spennellata con albume e cosparsa con granella e mandorle. 
L'ho fatta cuocere per 10 minuti a 200°C e a 180°C fino a cottura.


Se chi passa di qua capisce da dove ho preso queste ricette, vorrei che non facesse la spia e non desse man forte alla blogger di cui sopra (^ò^) (^ç^).
Non so se è mai capita di copiare una ricetta e di non mettere il link perché..... perché..... perché...
Non si dovrebbe mai fare così, bisognerebbe sempre mettere i dovuti link, ma quando vedo delle reazioni molto forti, fatte senza prima riflettere e cercare di avere un approccio più soft con chi ha commesso il plagio, non riesco a capire. Non so se io ne sarei capace.
Sono più che convinta che ci sono molti modi per far valere le proprie ragioni.

PS. Dato che sono stata scoperta, mi sento costretta a mettere i dovuti link  (^ò^) (^ç^)
Tsoureki e Focaccia tipo pastiera
Sono due ricette della mia cara amica e "socia" Ornella 


E per finire non mi resta che augurare anche
BUONA PASQUETTA!! 



*******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
*******************************

23 commenti:

  1. ti ringrazio dei link ma come mai sei così monella oggi???? :)
    tantissimi auguri di buona Pasqua.
    irene

    ps. sempre gelosa dei vostri licoli. prima pensavo di svuotare il frigo di ornella ad atene. ora mi tocca andare in norvegia!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché mi piace essere monella :))
      Fai prima a crearti licoli che andare in Norvegia (^-^)
      Baci!

      Elimina
  2. "Socia monella"..vedi che se non metti i link ti invio un'orda di vikinghi alti due metri sai ;-)? Condivido ogni tua parola. Poi io sono pacifica per natura, nel senso che il dialogo è la mia filosofia di vita, per cui non sarei mai capace di reagire così..Al di là di questi avvenimenti spiacevoli, soprattutto perché accadono in giorni dedicati alla pace..hai preparato tsoureki da favola!! Mamma mia che soffici!! Nemmeno mia suocera li prepara meglio :-) E la focaccia-pastiera? Vi è piaciuta? Un abbraccio carissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uffina!!!! Sono stata scoperta subito :((
      Ma chi ha fatto la spia? Chi è venuto a spiattellarti che non avevo messo i tuoi link?
      Lo faccio con calma, ti tocca aspettare :))
      Salutami i vikinghi, quasi quasi li avrei voluti vedere :-)

      Elimina
  3. Ma sei proprio "monella"... io lo so da dove hai preso queste squisitezze ma non lo dico... I tuoi dolci pasquali sono stupendi !!!
    Buona Pasqua carissima!
    Carpiato triplo con doppio avvitamento!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe volte mi prende la tentazione di essere monella :)
      Carpiato con avvitamento!

      Elimina
  4. Cuochina Anna buona Pasqua e grazie!! Che meraviglia, anche oggi hai sfornato per me una meravigliosa focaccia!! Dato che ho fatto migliaia di km per venire a prendermi questa golosità rubo ti anche uno tsoureki per la condivisione di ricette pasquali :-) E acqua in bocca con tutti...:-D Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho l'acqua in bocca, ma così non riesco a parlare e neanche a mangiare, che faccio?
      La ingoio?
      Grazie cara Cuochina, fai pure con comodo tanto ce n'è per tutti :)

      Elimina
  5. Come sempre le tue preparazioni sono stupende con il grano poi!!!!
    Che bella idea. Per quanto riguarda il tuo commento , hai propio ragione in questo mondo ci vorrebbe più tolleranza per tutti e si vivrebbe sicuramente meglio . Un grosso abbraccio :-))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della comprensione Nadia, molti non conoscono neanche il sostantivo "tolleranza", pensa se sanno il significato!
      Baci :)

      Elimina
  6. semplicemente splendidi questi lievitati. Vai sul mio blog, c'è una piacevole sorpresa per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simonetta cara, sei stata molto gentile a pensare a me, ma se leggi in alto, nei titoli delle pagine, troverai scritto che non ho molto tempo da dedicare ai premi.
      Te l'ho scritto anche nel tuo blog.
      Scusami carissima, un abbraccio :)

      Elimina
  7. Furbissima questa dei supporti laterali!
    Dalle mie parti si dice buone fatte feste!!!!
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. co sti link non c'ho capito nulla!

      Elimina
    2. Francesca, è stato solo un gioco tra me ed Ornella, le ricette sono le sue.
      Buone feste fatte anche a te cara

      Elimina
  8. Bello e interessante il tuo blog per questo mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori per averti sempre a portata di click. Se ti va fallo anche tu. Francesca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita Francesca, sono stata a vedere il tuo blog ma ho visto che recentemente hai pubblicato solo collaborazioni varie.
      Io non sto per niente dietro alla pubblicità, mi dispiace.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  9. (^_^) ciao Annuzza biddissima,come stai ? spero bene (-_^)spero sia stata una Pasqua serena ,altrettanto la Pasquetta(^_^)
    cmq non so da chi hai preso le ricette ma mi sono divertita un sacco a leggerti in veste monella :)))))) (-_^)
    un mega abbraccio dalla Sicilia che sempre ti pensa muà ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariuzza biddissima, che bello sentirti. La tua dolce "Mayna" è sempre più bella :)

      E' stato solo uno scherzo con la mia "socia" Ornella. Io e lei siamo le organizzatrici dell'iniziativa
      Quanti modi di fare e rifare.
      Volevo solo sottolineare l'aria belligerante che regna tra alcuni blogger, una cosa insopportabile.
      Io non sono parte lesa, ma ciò non toglie che ci sono dei comportamenti discutibilissimi.

      Baci ed abbracci a te e famiglia :)

      Elimina
  10. ma a Pasqua nn si dovrebbe essere più buoni? :-p bravissima a te e Ornella :) cmq si mettendo il burro dopo l'impasto è moooolto più soffice, auguri in ritardo! quest'anno ci ha beccati l'influenza, siamo tutti ammalati, spero di partecipare anche in estremis! ciaooo

    RispondiElimina
  11. Ma daiii!!! Essere scopiazzata da te è un'enorme onore. Credo che stamperò il post e me lo appenderò nella camera da letto!!! Spero che lo tsure'ki ti sia piaciuto. A me è piaciuto tanto che l'ho rifatto una seconda volta e l'ho utilizzato per invadere le case di amici e parenti nel giorno di pasqua..
    A presto!!

    RispondiElimina
  12. Ciao Anna,
    come al solito ammiro i tuoi preparati!
    Mi piacerebbe farli questi dolci...ma quelle spezie penso siano introvabili...a meno che non li prenda su internet!
    Se quest'estate come spero andrò in Grecia farò incetta di spezie...intanto non mi resta che farti i complimenti!
    Un bacione
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, effettivamente mahlepi
      e masticha sono necessari.
      Potresti provare a comprarli su Internet.
      Il loro profumo somiglia leggermente al profumo di mandorle.
      Ciao carissima

      Elimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)